+39 3923320230 3933018706 3396401645

Disturbi dell’umore

Disturbi dell’umore

Disturbi dell’umore

Disturbi dell’ umore sono quei disturbi che implicano una significativa modificazione del tono dell’umore di base dell’individuo, tale da compromettere il funzionamento sociale, lavorativo o relazionale della persona interessata.

Il termine tono dell’umore esprime la tonalità emotiva che accompagna la nostra attività bio – psicosociale: come ci sentiamo generalmente, lo stato d’animo che il più delle volte caratterizza le nostre giornate. Esso è legato a diversi fattori: biologici e genetici, di “temperamento”, familiari, sociali. Multifattoriali sono anche le cause implicate nei disturbi dell’umore: vi sono indubbiamente fattori biologici, ma anche legati all’ambiente (educazione, eventi familiari) e psicologici, che concorrono nel determinare l’insorgere di un disturbo dell’umore.

Le alterazioni del tono dell’umore sono principalmente:

  • la depressione caratterizzata da tristezza, calo della spinta vitale e ideazioni pessimistiche fino a pensieri di suicidio
  • la mania caratterizzata da  euforia, logorrea, aumento della velocità del pensiero e una generale amplificazione emotiva e comportamentale
  • l’umore misto caratterizzato dalla concomitanza di sintomi depressivi e sintomi maniacali, detto anche umore disforico.

Nuova classificazione dei disturbi dell’umore

Il DSM-V distingue tra disturbi depressivi e disturbi bipolari.

  • I disturbi depressivi sono caratterizzati da un tono dell’umore marcatamente basso. Bisogna considerare che la tristezza è una normale e fisiologica emozione umana. Tutti proviamo di tanto in tanto tristezza, malinconia, sconforto. Ciò che fa la differenza nei disturbi depressivi è l’ invasività del tono basso dell’umore. Non si tratta cioè di uno stato emotivo di breve durata, ma è prolungato ed intenso tanto da compromettere la vita personale, affettiva, lavorativa.

Sono disturbi  depressivi dell’umore : il Disturbo Depressivo Maggiore , il Disturbo Distimico o Disturbo Depressivo Persistente e il Disturbo Disforico Premestruale

  • I disturbi bipolari sono caratterizzati da due polarità del tono dell’umore . Mentre nei disturbi depressivi l’umore ha solo un tono basso, nei disturbi bipolari compare anche un tono espanso, elevato. Quando il tono dell’umore è elevato o espanso si parla di mania (ipomania nella sua variante più leggera).  Nei disturbi bipolari quindi si alternano episodi maniacali (o ipomaniacali) a episodi depressivi.

Sono disturbi bipolari dell’umore

Disturbo Bipolare I: caratterizzato da alternanza di episodi maniacali, ipomaniali e depressivi

Disturbo Bipolare II: caratterizzato da alternanza di episodi ipomaniacali e depressivi

Ciclotimia: caratterizzata da alternanza di lievi episodi ipomaniacali e lievi episodi depressivi

Disturbo Bipolare indotto da sostanze: quando l’alterazione del tono dell’umore è attribuibile solamente a farmaci o sostante assunte dal paziente